IPB: fattori di rischio

Le cause biologiche dell'IPB non sono conosciute con esattezza, ma sembrano essere coinvolti diversi fattori come le variazioni ormonali, che si riscontrano più in là con gli anni con l'invecchiamento, e fattori emodinamici. L'eventuale ruolo di malattie croniche come il diabete, l'ipertensione e l'obesità non è chiaro ed è oggetto di dibattito, né è stato definitivamente chiarito il ruolo del fumo e del consumo di alcol.

L'età avanzata rientra anche nei fattori di rischio per la progressione dei sintomi dell'IPB: un uomo con un'età tra 70 e 79 anni, se non curato nella maniera opportuna, ha un rischio di ritenzione urinaria acuta (difficoltà o impossibilità di urinare) maggiore di 5,5 volte rispetto a un uomo con IPB non trattata, ma con età compresa tra 40 e 49 anni.

Anche un volume aumentato della prostata è un importante fattore di rischio per la progressione della malattia: un soggetto con un volume prostatico maggiore di 30 ml ha un rischio di ritenzione urinaria acuta maggiore di 3 volte rispetto a un soggetto con una prostata il cui volume è minore 30 ml. Le dimensioni della prostata possono anche essere "seguite" utilizzando come marker l'antigene prostatico specifico (PSA), la cui quantità è proporzionale al volume della ghiandola prostatica.

L'iperplasia prostatica benigna sembra avere anche una componente di ereditarietà genetica, ossia il rischio di avere l'IPB aumenta se si ha un parente vicino che ne è affetto. Il rischio di un intervento chirurgico reso necessario da una IPB aumenta, infatti, di 4 volte nei parenti di primo grado, il rischio di avere sintomi urinari (sintomi disurici) gravi aumenta di 1,3 volte, mentre quello di andare incontro a una forma precoce di IPB aumenta di 2,5 volte.

Alcuni studi indicano anche l'importanza dello stile di vita del paziente. Dalle ricerche condotte, sono infatti maggiormente colpiti dall'IPB le persone che conducono una vita sedentaria rispetto a chi conduce una vita più attiva.

Riferimenti in letteratura
  1. Benign prostatic hyperplasia.Thorpe A, Neal D. Lancet. 2003 Apr 19;361(9366):1359-67. Review. Erratum in: Lancet. 2003 Aug 9;362(9382):496.
  2. Urology. 2003 Apr;61(4):781-5. Familial aggregation of bothersome benign prostatic hyperplasia symptoms. Pearson JD1, Lei HH, Beaty TH, Wiley KE, Isaacs SD, Isaacs WB, Stoner E, Walsh PC.
  3. J Urol. 1999 Oct;162(4):1301-6. Treatment for benign prostatic hyperplasia among community dwelling men: the Olmsted County study of urinary symptoms and health status. Jacobsen SJ, Jacobson DJ, Girman CJ, Roberts RO, Rhodes T, Guess HA, Lieber MM.

Il presente materiale non è promozionale di prodotto, non rivendica ne esplicita caratteristiche terapeutiche di farmaci GSK e come tale non ricade nell'ambito di applicazionedel D.Lvo n. 219/06. Le informazioni riportate non sostituiscono il parere del proprio medico di fiducia al quale ci si deve rivolgere.